venerdì 28 agosto 2009

Correre nel west degli States...favoloso!


Finalmente sono riuscito a terminare questo post,una settimana che sono rientrato dagli USA e ancora il PC del lavoro non mi permette di lasciare messaggi ma almeno il post me lo fa fare...ecco quindi in "breve"come sono state le mie vacanze,premetto che questo giro dell'ovest statunitense l'ho già fatto altre volte nella mia vita ,in periodi diversi con persone diverse e nonostante gli stati che si attraversano sono sempre questi quattro (California,Nevada,Arizona e Utah) tutto sembra sempre diverso...
Le cose da raccontare di queste vacanza sarebbero troppe ma sicuramente quelle più inerenti al blog sono le 6 volte su 14 giorni che sono uscito a correre...arrivato a Los Angeles,ho dormito in un Best Western,catena di hotel molto presente in USA,nel quartiere di Santa Monica,il più bello secondo me di questa enorme città!
Ovviamente la mattina seguente sono uscito sullo splendida pedonabile del lungomare,con spiaggia a destra e sinistra,qui con solo il rumore del mare e dei miei passi ho fatto 15 km di medio ad un ritmo di 4'08" al km sfruttando la fantastica temperatura di circa 23°C vedendo piano piano affollarsi la strada di altra gente che come me correva o semplicemente camminava con il cane...tutto troppo reale e perfetto per un runner.


Proseguendo il mio viaggio sono salito verso Nord sfruttando la famosa Pacific Highway n°1,dopo aver visto Big Sur,Carmel e aver dormito nella splendida Monterey,

sono arrivato a San Francisco,splendida città dai mille risvolti...uno su tiutti la particolare inclinazione che fa si di avere tutte le strade su saliscendi vertiginosi...ebbene qui dopo aver fatto una notte in un hotel del centro,

mi sono svegliato presto e di buona lena per fare un lungo da 32 km dove ho visto veramente tutta la città passando per il Golden Gate Park,dalle casette coloniali tutte uguali sulla collina,alla spiaggia sull'Oceano dove alcuni ragazzi facevano surf,dallo zoo per poi rientrare dalla parte dei moli (i famosi "Pier") dove si possono vedere e sentire foche e leoni marini che stazionano su delle zattere vicino al molo messe apposta per loro...

E' stata molto faticosa visto i dislivelli ma i miei occhi erano talmente attenti a tutto quello che avevo intorno da non accorgermi del tempo passato a correre...2h28'!
Via da qui passando per il Golden Gate Bridge sono andato(visto anche la mia passione..) nella zona di produzione di vino,le famose Sonoma,Mendocino e Napa Valley,propio in quest'ultima mi sono fermato a fare del Wine Tasting e poi ho pranzato all'interno della tenuta...grande esperienza.
Proseguendo il viaggio sono andato verso est attraversando lo Yosemite National Park...un paradiso...

per poi uscire e dormire a Bishop una cittadina a misura d'uomo ,qui alla mattina sono uscito a correre per fare 6 ripetute sui 1000m (media 3'41"/km) con recupero attivo di 1000m sfruttando una zona residenziale fatta di villette bianche con praticello davanti e bandiera americana sul garage...mi sentivo come una che abitava li...tutti quelli che uscivano di casa mi salutavano!
Ma il giro continua e mi attende l'attraversamento della Death Valley,

arrivato a Bad Water (il punto più basso degli USA,ben 85,5 metri sotto il livello del mare) mi accorgo che la temperatura fuori è di 123°F cioè più di 50°C praticamente un forno ventilato...questo caldo secco mi seguirà anche a Las Vegas la prossima tappa dove dopo aver fatto la nottata tra casinò e spettacoli,alla mattina sono uscito presto per correre un progressivo che però ho dovuto accorciare facendo solo 10 km e andando anche più piano del solito per i già 40°C alle 8.00!!

Lasciando anche questa enorme oasi nel deserto dove tutto e permesso mi dirigo verso gli altri parchi...la due cose che si notano subito entrando nello Utah sono: l'orario che è avanti di un ora appartenendo ad un altro fuso e il paesaggio che è un mix di colore verde e rosso,nella stessa giornata faccio Zion National Park

girandomelo con navetta e poi a piedi su sentieri e poi lo spettacolo del Bryce Canyon dove la natura ha fatto un qualcosa di straordinario come potete vedere dalla foto...

Qui decido di scendere nel canyon utilizzando il percorso Navajo Loop appunto un giro fatto dagli indiani del posto che ti permette di vedere fin dove è arrivata l'erosione della roccia!
Il giorno seguente mi trovo a Kanab un piccolo paese attraversato dalla statale dove esco con le prime luci dell'alba a fare il lungo da 21 km a ritmo gara( 1h31' tempo finale a 4'20"/km),dopo un paio di km in paese decido di prendere le strade sterrate di colore rosso che vanno verso i campi,così mi ritrovo a correre tra i recinti dei vari ranch con mucche,cavalli e bisonti che mi guardavano un po perplessi al mio passaggio...solo io,loro e la terra rossa sotto i miei piedi...non lo scorderò facilmente.
Proseguo l'avventura andando verso la Monument Valley

dove ripercorro la strada cercando il punto esatto dove Forrest Gump nel film smette di correre e dice di essere un po stanchino...non lo trovo o perlomeno non trovo il punto esatto ma la strada è quella,qui si vedono i classici monoliti rossi dei film western...un emblema dell'America...tornado da qui mi dirigo verso il Grand Canyon dove non ci sono parole per descrivere questa ottava meraviglia...

è talmente grande,profondo che ti fa sentire veramente piccolo piccolo,uscendo dal parco mi fermo a dormire nella cittadina di Williams sulla famosa Route 66,qui tutto è rimasto fermo di un epoca,i locali sono pieni di memorabilie del passato e devo dire che la carne la sanno cucinare ottimamente!
Ripartito mi dirigo verso il Joshua Tree National Park,un deserto pieno di cactus con i rami che sembrano braccia rivolte verso il cielo,

li trovate nell'album degli U2 appunto The Joshua Tree,passando poi per twentyninepalms un paese costituito da poche case ed un famoso motel il 29palms Inn,usato in diversi film di culto pwer arrivare alla più grande e benestante Palm Springs dove decido di pernottare per godermi i localini del centro e poi al mattino esco a correre,in programma 15 x 400m rec 400m,trovo la ciclabile del paese che fiancheggia lo splendido campo da golf ma causa l'altissima temperatura 42°C decido di fermarmi alla 12°ripetute e rientrare in motel per tuffarmi nella piscina...un vero toccasana!
A questo punto decido mio malgrado di saltare San Diego(cmq già vista anni prima) per riposarmi almeno 2 notti nello stesso posto per smettere un po di guidare e spostare valige,mi dirigo quindi verso Santa Monica dove,come dicevo all'inizio,mi sento a casa...

Mi resterà molto di questa vacanza...soprattutto la certezza che correre è libertà.


Kikko


P.S. Non riesco ancora a rispondere ai messaggi,comunque i vostri li ho letti tutti...grazie runners!

7 commenti:

Anonimo ha detto...

si vabbè, ma cosa ci racconti? :-))))))
Vabbè mi racconterai dopodomani alla Sgamelàa!!
Ciao
LUCKY

Pimpe ha detto...

ma non ti girano le balle quando rientri in sto posto che chiamiamo Italia ? a me succede spesso...

Pimpe ha detto...

ci vediamo domenica mattina al blogpoint...!

bressdicorsa ha detto...

azz ne hai scritte di cose,e correre li deve essere stato fantastico uomo..

Barby ha detto...

Wow che foto!!Dev'essere stata una vacanza FAVOLOSA!!!

Barby ha detto...

Noo mi sono accorta adesso che nell'ultima foto le scarpe sono attaccate al pavimento!Che figo!

Anonimo ha detto...

Ciao Kikko primo link foto 10K

http://picasaweb.google.it/Luciorunfun/2009_08_30SgamelaaDVigezz10KFotoBarbara#

Lucky