lunedì 27 giugno 2016

Maratona Valle Intrasca

Impossibile mancare all'appuntamento con questa bellissima gara,che quest'anno è valida come campionato italiano di Skyrace a coppie, sono 35km e il dislivello positivo è 1650m e bisogna correrla tutta in coppia con un socio,io la correrò ancora insieme a Furio come due anni fa,ci saranno anche Giardo con Ciccio e Sandro con Gio,tutto è stato preparato nei minimi dettagli,solo 10gg prima insieme a Furio e Giardo abbiamo provato parte del percorso per vedere lo stato di forma,io mai come quest'anno sono così in forma,mi sono allenato tutti i mesi anche quelli pre maratona di Roma inserendo delle uscite in montagna con dislivelli importanti e alla fine i risultati ci sono.
Anche a Roma nonostante prima della maratona avessi corso un solo lungo e anche male causa un caldo devastante,poi in gara le gambe hanno tenuto fino alla fine e anche oltre,segno che i muscoli si sono rinforzati e adattati allo sforzo più di prima.
Tornando al nostro trail,siamo in zona partenza dove siamo davvero in tanti,la piazza è piccola per contenere tutte le coppie,si aspetta l'arrivo dell'elicottero,il saluto e si parte,i primi km sono su asfalto con la strada il leggero falsopiano a salire,si esce dal centro per arrivare alle prime case in pietra costruite all'inizio della montagna,io e Furio siamo vicini e con un buon ritmo,il nostro,arriviamo senza intoppi all'inizio della prima mulattiera al 7°km e qui dico a Furio,ok iniziamo,mi metto davanti e salgo sapendo che lui mi passerà per dare il ritmo giusto,continuo a spingere sulle gambe senza esagerare come sono abituato e non sento il suo arrivo,allora mi giro e lo vedo lontano più in basso,allora mi fermo lo aspetto e lui mi dice che c'è qualcosa che non va,i battiti sono più alti del normale e non vuole rischiare di saltare,così faremo tutta la gara in questo modo,cioè io davanti a fare un ritmo che può essere giusto anche per lui in modo da stare sempre abbastanza vicini,diverse coppie ci sorpassano,è normale stiamo andando più tranquilli rispetto alla posizione di classifica in cui ci trovavamo,un po di dispiacere per non poter provare a farla al massimo delle possibilità c'è,ma questo è il senso di questa gara,bisogna arrivare in due e comunque mai dire mai...
Il dispiacere è più nel vedere Furio in difficoltà e la sua faccia lo dice chiaramente ma io so che lui non mollerà mai e infatti dopo i primi 12/13km arrivando verso il rifugio del Piancavallone mi accorgo che si può andare più forte perchè Furio è più sciolto,così recuperiamo e allunghiamo su diverse coppie,arriviamo così in cima al Pernice dove l'incitamento delle persone a bordo sentiero è fantastico,andrebbe fatta solo per questo,da qui si inizia a scendere e sempre stando davanti imposto un buon ritmo,e riusciamo così a riprendere anche l?amico Flavio di Verbania che ci aveva passato un 10km prima,si sta con lui e il suo socio e si scende scambiando un po di chiacchere,poi raggiungiamo il lungo falsopiano in costa dove c'è da fare ritmo,e qui perdiamo un po di contatto da loro,Furio mi dice di non esagerare,questo servirà in effetti a spingere molto di più nelle prossime discese finali tecniche dove sorpassiamo almeno 15/20 coppie per poi chiudere in solitaria gli ultimi 2 km (si perchè quelli davanti sono troppo avanti e non si vedono,e quelli dietro idem,nel centro di Verbania,il motto di Furio da oggi sarà "barcollo ma non mollo",intanto io trovo anche il tempo di chiamare Roby al traguardo per dirle che sto arrivando se inizia a dire a Carlo che lo prenderò sulle spalle per tagliare il traguardo insieme...infatti arriviamo in Piazza e poco prima della passerella mi fermo prendo il mio Carletto,lo metto sulle spalle e passiamo il traguardo con Furio tra mille applausi...queste sono le cose più belle di queste gare.

2 commenti:

Gallodicorsa ha detto...

Grandissimi! Che coppia! Complimenti davvero!

Kikko ha detto...

Grazie Marco,la devi fare prima o poi.